Andamento della raccolta e del new business

Andamento della raccolta e del new business

Premi lordi emessi

Premi lordi emessi del segmento vita

I premi del segmento vita, comprensivi dei premi relativi a polizze di investimento, ammontano a 49.812,9 milioni, registrando un crescita dell’11,2% a termini omogenei rispetto all’esercizio precedente. Tale andamento è favorito dalla significativa crescita dei contratti linked (+43% a termini omogenei), coerentemente con la strategia di privilegiare prodotti a basso assorbimento di capitale. Anche le altre linee di business evidenziano un andamento positivo; le linee di risparmio crescono del 4% a termini omogenei e, in misura inferiore, le polizze di puro rischio e malattia (+2,5% a termini omogenei).

Premi di Gruppo per linea di business

La raccolta netta si attesta a € 12.747 milioni, in sensibile crescita rispetto al 31 dicembre 2013 (+49,7%), per effetto del sopra citato andamento positivo della raccolta premi. In lieve crescita i capitali in uscita.

La nuova produzione in termini di premi annui equivalenti (APE ) registra una significativa crescita rispetto all’anno precedente (+14,2%, a parità di cambi e quote di pertinenza del Gruppo) e ammonta complessivamente a € 5.163 milioni. La nuova produzione è trainata soprattutto dalla crescita dei premi unici (+27,2% a termini omogenei) in Italia, Irlanda e Francia, mentre i premi annui, pur mantenendo un peso predominante sugli APE (56,2%) mostrano un più moderato incremento (+5,9% a termini omogenei). Con riferimento alle linee di business, si osserva una rilevante progressione del business unit linked (+41,8% a termini omogenei, spiegata dalla forte crescita dei prodotti “multi-ramo” in Italia e dalla produzione in Irlanda) e del business di risparmio (+11,1% a termini omogenei). La produzione di rischio è in lieve calo (-3,7% a termini omogenei).

La redditività della nuova produzione (margine sugli APE) si attesta a 24,0%, in rialzo rispetto al 2013 (21,0%), anche in virtù dell’ulteriore riduzione del livello di garanzia finanziaria offerto dai prodotti di risparmio. Il valore della nuova produzione è in crescita del 33,7% a termini omogenei, e si attesta a € 1.239 milioni.

Italia

ItaliaI premi lordi emessi dell’Italia passano da € 13.312 milioni al 31 dicembre 2012 a € 17.393,2 milioni. Tale andamento (+ 30,7%) è dovuto alla crescita del +35% nella raccolta individuale ove spicca l’incremento dei premi unici (+60,5%), trainati dal rendimento concorrenziale rispetto a prodotti alternativi e dal successo dei nuovi prodotti ibridi. Questi ultimi sono distribuiti sia dal canale Tradizionale i cui premi individuali crescono del 7,2%, che dai promotori, la cui raccolta registra un balzo del +149,4%. Contribuisce allo sviluppo anche il canale bancario che con una crescita del +174,2% vede sostanzialmente triplicare i suoi volumi.
Buone le performance registrate in tutte le compagnie, in particolar modo in Genertellife.

La nuova produzione in termini di premi annui equivalenti risulta in crescita (+35,1% a termini di omogenei), grazie al rilevante sviluppo sia dei premi annui (+20,0% a termini omogenei), che rappresentano la parte predominante degli APE (57,2%), che dei premi unici (+62,4% a termini omogenei).
La redditività (margine sugli APE) aumenta dal 18,2% del 2013 al 25,7% del 2014, grazie al maggior peso del più profittevole business unit linked e al recupero del business di risparmio, conseguenza dell’ulteriore calo della garanzia offerta. A seguito dei maggiori volumi e della migliore redditività il valore della nuova produzione incrementa del 91,1% a termini omogenei e si attesta a € 641 milioni.

Deciso il miglioramento della raccolta netta che beneficia del citato andamento dei premi. In lieve crescita le uscite dei capitali.

Francia

FranciaI premi lordi emessi in Francia passano da € 7.671 milioni al 31 dicembre 2013 a 8.437,6 € milioni. Tale crescita (10,0%) è attribuibile al positivo momento di mercato, che beneficia della flessione dei tassi di interesse. Con riferimento alle linee di business, si osserva una sensibile crescita delle polizze risparmio (+12,6%), confermando il rilancio di tale business. Anche la raccolta linked evidenzia una forte crescita (+17,3%) beneficiando della domanda dei clienti alla ricerca di rendimenti appetibili e riflettendo le azioni intraprese dal Gruppo per migliorare il mix di portafoglio verso prodotti con basso assorbimento di capitale.

L’incremento degli APE (+9,0% a termini omogenei) è principalmente dovuto all’eccellente sviluppo dei premi unici (+17,8%, in termini omogenei) che largamente compensano la lieve contrazione dei premi annui (-3,4%).
La redditività (margine sugli APE) registra un calo da 12,7% del 2013 a 10,9% del 2014, principalmente a seguito di una revisione conservativa delle ipotesi operative utilizzate per valutare il business di rischio. Il valore della nuova produzione ammonta a € 89 milioni (-6,8% in termini omogenei).

Torna positiva la raccolta netta per effetto della selettiva politica di sottoscrizione e della proattiva gestione del portafoglio esistente.

 

Germania

GermaniaPerformance in calo dei premi lordi emessi della Germania (-8,8%), che passano da € 14.989 milioni al 31 dicembre 2013 a € 13.675,3 milioni. Tale trend è principalmente attribuibile alla riduzione pianificata dei premi unici (-25,9%) rispetto all'anno precedente. L'attuale contesto di bassi tassi di interesse, così come le incertezze ancora esistenti per quanto riguarda lo sviluppo del mercato dei capitali, spiegano l'attuale tendenza di una contrazione dei premi unici.

La nuova produzione in termini di APE presenta una forte contrazione (-12,6% a termini omogenei), dovuta al calo sia nel segmento vita (-12,2% a termini omogenei) che nel settore malattia (-23,5% a termini omogenei). I premi unici presentano una notevole riduzione (-27,7% a termini omogenei), mentre i premi annui registrano un lieve calo (-1.6%).
L’accresciuto peso della più profittevole nuova produzione a premio annuo (peso sugli APE da 57,8% del 2013 a 65,0% del 2014) contribuisce allo sviluppo della redditività dell’area che si attesta al 30,7%. Il valore della nuova produzione è in lieve crescita ed ammonta a € 265 milioni (+1.6% a termini omogenei).

In calo del 32% della raccolta netta deriva dalle misure adottate per ridurre la nuova produzione del business a premio unico. I capitali in uscita risultano infatti sostanzialmente stabili.

 

Paesi dell'Europa centro-orientale

Paesi dell'Europa centro-orientaleI premi lordi emessi dei Paesi dell’Europa centro-orientale passano da € 1.567,9 milioni al 31 dicembre 2013 a € 1.486,8 milioni, (- 1,1% a termini omogenei). Nel dettaglio, a fronte di un positivo andamento delle polizze puro rischio e malattia (+4,5%) e polizze linked (+2,8% a termini omogenei), si osserva un decremento del comparto risparmio (-4,9% a termini omogenei) prevalentemente in Repubblica Ceca.

La flessione registrata dalla nuova produzione in termini di APE (−13,2% a termini omogenei) è principalmente ascrivibile al calo osservato nella produzione unit linked (-21.8% a termini omogenei).
La riduzione della redditività (margine sugli APE) dal 38,5% del 2013 al 32,8% del 2014 è spiegata sia dall’esclusione dal perimetro valutativo dei fondi pensione che dai tassi più elevati osservati nella prima parte dell’anno utilizzati come fattore di sconto.
L’effetto congiunto dei minori volumi e del calo di redditività porta il valore della nuova produzione a contrarsi del 18,6% a termini omogenei attestandosi a € 49 milioni.

Si registra un calo nella raccolta netta rispetto al 31 dicembre 2013 (-19,2%) per effetto delle maggiori uscite dai fondi pensione e dall’aumento dei capitali in uscita.


 

EMEA

EMEASi conferma il trend osservato ai 9 mesi dei premi lordi emessi della struttura regionale EMEA (+21,1% a termini omogenei) che passano da € 5.703 milioni al 31 dicembre 2013 a € 6.918,8 milioni. L’andamento (0,0% è determinato dagli andamenti positivi delle linee di business linked e risparmio e ,in misura inferiore, anche dalle polizze puro rischio e malattia.

In particolare, si registra una riduzione dei premi lordi emessi della Spagna che si attestano a € 984 milioni (€ 1.006 milioni al 31 dicembre 2013); tale decremento (-2,1%) è ascrivibile alla flessione della linea risparmi, a premio unico, attribuibile principalmente all’interruzione della vendita delle polizze collettive previdenziali (SPE) avvenuta a metà del 2013. Si nota l'evoluzione positiva della linea individual protection principalmente dovuta al contributo di Cajamar che però viene controbilanciato dal trend negativo delle group protection.

I premi lordi emessi dall’Austria si attestano a € 1.294 milioni (€ 1. 156 milioni al 31 dicembre 2013); la crescita dell’11,9% è determinata dal positivo contributo di tutte le linee. Aumentano soprattutto le polizze risparmio (+17,3%), principalmente per effetto del trend dei premi unici che beneficiano di una nuova situazione giuridica nel settore privato (riduzione dell'imposta relativa alla durata minima del contratto da 15 a 10 anni per le persone sopra i 50 anni), così come alcuni grandi contratti con i principali clienti business. In aumento anche le polizze Puro rischio e malattia (+ 9,7%) e Unit Linked (+ 0,9%).

In aumento i premi lordi emessi della Svizzera (+4,7% a termini omogenei); i premi periodici diminuiscono leggermente diminuiti dell’1,8%, mentre i premi unici più che raddoppiano. Per quanto riguarda le linee di business, l‘aumento è determinato  principalmente grazie alle linee risparmio (+ 48,1%).

Un positivo contributo alla raccolta (€ 2.085 milioni) viene fornito anche dall’Irlanda, che evidenzia un trend fortemente positivo sulle polizze linked, la cui raccolta quasi raddoppia rispetto allo scorso anno.

La nuova produzione in termini di APE è in crescita (+9,7% a termini omogenei), a seguito dell’incremento osservato dai premi unici (+46,9% a termini omogenei) solo in parte compensato parzialmente dalla contrazione della produzione a premio annuo (-12,2% a termini omogenei). A livello di territorio, la produzione registra buoni progressi in Irlanda (+63,1% a termini omogenei), Austria (+8,1% a termini omogenei) e Belgio +8,3% a termini omogenei), mentre risulta essere in calo in Spagna (-8,4% a termini omogenei), e Svizzera (-7,7% a termini omogenei).
La redditività è in lieve calo da 26,1% del 2013 a 25,9% del 2014. Il valore della nuova produzione si attesta a € 177 milioni, in crescita dell’11,2%.

In significativa crescita la raccolta netta della struttura regionale EMEA grazie al sensibile sviluppo dei premi cui si somma un lieve calo dei capitali in scadenza, fenomeni osservati soprattutto in Irlanda. In Austria da inizio dell'anno la raccolta netta evidenza un notevole incremento (+ 68%) grazie a riscatti più bassi cui si aggiungono premi unici delle polizze risparmio in forte crescita. L’importo negativo della raccolta netta in Spagna è riconducibile al tipo di portafoglio vita, principalmente orientato a prodotti di rendita e di investimento a breve termine che comportano uscite regolari che non sempre trovano copertura in un adeguato volume di entrate, poiché l’andamento dei premi emessi risulta più volatile.

LATAM

LATAMI premi lordi emessi dell’America Latina registrano una crescita (26,6% a termini omogenei) attestandosi a € 253,9 milioni (€ 260 milioni al 31 dicembre 2013).

Tale sviluppo della raccolta è ascrivibile all’andamento sia della raccolta della linea puro rischio e malattia (+29% a termini omogenei), che in misura inferiore, di quella risparmio (+4,1% a termini omogenei).

In crescita infine la raccolta netta dell’America Latina coerentemente con lo sviluppo della raccolta.

ASIA

ASIAOttima performance dei premi lordi emessi dell’Asia che passano da € 902,2 milioni al 31 dicembre 2013 a € 1.049,2 milioni (+19,1% a termini omogenei), grazie al positivo andamento di tutti i paesi dell’area.

La Cina, che da sola ha più del 70% della produzione di vita totale della Regione, cresce grazie ad un prodotto di risparmio lanciato di recente venduto attraverso il canale bancassurance, in uno scenario di tassi di interesse favorevole. Anche l’ Indonesia: dopo difficoltà dovute agli ultimi mesi di instabilità politica mostra una crescita positiva in particolare nelle polizze unit linked, sia a premi periodici che unici. Sviluppo positivo anche nelle Filippine, sia nei prodotti risparmio che linked, grazie soprattutto alla performance del canale bancassurance, che beneficia di una serie di iniziative di sostegno e rafforzamento della forza vendita.

Con riferimento ad Asia ed America Latina, la nuova produzione in termini di APE è in crescita (+16,0% a termini omogenei) con buoni incrementi osservati sia in Asia (+15,5% a termini omogenei) che nell’America Latina (+21,4% a termini omogenei).
La contrazione in termini di redditività, da 19,0% del 2013 a 11,8% del 2014, risulta spiegata in buona parte dall’uscita dal perimetro del Messico avvenuta nella prima parte del 2013. Il valore della nuova produzione è in crescita (+49,0% a termini omogenei) e si attesta a € 19 milioni.

International Operations

In crescita i premi lordi emessi del raggruppamento International Operations passano da € 537 milioni al 31 dicembre 2013 a € 598,1 milioni (+11,4% a termini omogenei). Tale sviluppo deriva dall’andamento favorevole del business di Generali Employee Benefits e dell’attività della Holding.

In crescita infine la raccolta netta favorita dal sopra citato trend positivo della raccolta premi cui si somma il calo dei capitali in uscita.