Andamento della raccolta

Andamento della raccolta

Andamento della raccolta

I premi complessivi si sono attestati a € 70.430 milioni, in crescita del 7,7% rispetto al 31 dicembre 2013. Confermando il trend osservato ai nove mesi, tale incremento è interamente attribuibile al segmento vita la cui raccolta registra una crescita dell’11,2% grazie al lancio di nuovi prodotti e alla forza della rete distributiva. La raccolta danni risulta stabile, anche in presenza di un contesto macro-economico ancora sfidante in molti mercati di operatività del Gruppo. Positivo l’andamento della raccolta premi del quarto trimestre in entrambi i segmenti.

Alla crescita dei premi del segmento vita, che si attestano a € 49.813 milioni, contribuisce l’ottimo andamento dell’Italia (+30,7%), della Francia (+10,0%) in ripresa grazie alle azioni intraprese sul portafoglio nell’ultimo anno e lo sviluppo dell’area EMEA (+21,1%), in cui si evidenzia il forte sviluppo dei prodotti a premio unico. In miglioramento tutte le linee di business, in particolare i contratti linked il cui aumento del 43% a termini omogenei è in linea con la strategia di ottimizzare il rendimento dei prodotti vita, privilegiando quelli a basso assorbimento di capitale.
La raccolta netta vita risulta in ulteriore miglioramento rispetto ai 9 mesi, registrando una crescita del 49,7% a € 12,747 milioni. Anche la nuova produzione in termini di Annual Premium Equivalent (APE) registra una significativa crescita rispetto all’anno precedente (+14,2%, a parità di cambi e quote di pertinenza del gruppo) e ammonta complessivamente a € 5.163 milioni A seguito dei maggiori volumi e della migliore redditività, il valore della nuova produzione (NBV) è in crescita del 33,7% a termini omogenei, e si attesta a € 1.239 milioni. La redditività della nuova produzione (margine sugli APE) si attesta a 24,0%, in rialzo rispetto al 2013 (21,0%), anche in virtù dell’ulteriore riduzione del livello di garanzia finanziaria offerto dai prodotti di risparmio.

I premi del segmento danni ammontano a € 20.617 milioni, stabili rispetto al 31 dicembre 2013. In lieve aumento (+0,8% a termini omogenei) i premi del comparto Auto; i cali osservati nei mercati più colpiti dall’attuale contesto macro-economico - in particolare Italia, Francia, Repubblica Ceca e Spagna - risultano più che compensati dallo sviluppo rilevato in Germania e nei mercati emergenti.

In linea con lo scorso anno il ramo Non Auto; il positivo andamento della linea Aziende (+1,7%), che beneficia delle buone performance in Germania e nell’area International Operation, compensa la flessione dell’Infortuni e Malattia e della linea persone.